"Un bocòn mì, un bocòn tì, un bocòn al càn , ham!"


filastrocca che mi raccontava nonna, armata di tazza e cucchiaio, per rendermi più dolci i bocconi del cibo che non gradivo

sabato 19 dicembre 2009

Esperimenti culinari: Torta salata Broccolosa

Dall'orto biologico di mamma ultimamente mi sono arrivati dei bellissimi broccoli che ho prontamente lavato, mondato e suddiviso in sacchettini pesati così da essere messi in congelatore e pronti all'uso ogni volta desideri prepararmi la pasta con i broccoli che adoro. Controllando nei cassetti del congelatore ho trovato l'ultimo sacchetto con i broccoli della scorsa stagione, quelli però dell'ultima fioritura, qundi con meno "fiore" e maggior parte meno nobile, ideale per frittate e affini.Che ci faccio? Una torta salata!
Le adoro le torte salate, e ultimamente mi diverto a fare la pasta con farine diverse, per questo esperimento ho deciso di usare insieme alla farina 0 quella di semola.
Non l'avevo mai usata, mi ha sorpreso per la texture fine e granellosa, inizialmente ho mescolato le farine con uguale peso, ma quando ho iniziato a impastarle ho capito subito che la semola è un po' particolare e lega come meno facilità, quindi ho rivisto le proporzioni in modo che l'impasto fosse per 2/3 di farina 0 e 1/3 di semola. La ricetta che segue è quindi per queste proporzioni. La particolarità di questo impasto è che , una volta pronto, è estremamente compatto, non molto elastico e per questo una volta steso si taglia meravigliosamente senza perdere la forma. Una volta cotto è croccante ma non secco, con un lieve retrogusto di pane

Ingredienti:
per la pasta
-150 gr. di farina 0
-50 gr di farina di semola rimacinata
-2 cucchiai olio e.v.o
-1 cucchiaio aceto di mele
-mezzo cuchiaino di sale
-una punta di cucchino di bicarbonato
-acqua q.b.

per il ripieno
-150-200 gr. di broccoli
-100 gr. di cipolla
-150 gr di carote
-2 sottillette o altro formaggio tenero
-sale  pepe e altre spezie a piacere

Setacciate le farine a fontana insieme al bicarbonato (facoltativo), create un foro al centro e aggiungete l'olio, il sale e l'aceto di mele. Mescolare un po' e impastare leggermente, aggiungendo poco a poco acqua tiepida quanto basta per poter lavorare l'impasto. A causa della farina di semola bisognerà impastare un po' più a lungo, ma tanto lo so che chi decide di impastare a mano lo fa per rilassarsi, quindi è tutto un piacere prolungato.

Sono del parere che questi blog siano letti oltre che da cuochi sopraffini ed esperti (ecco, magari non leggono proprio il mio blog) , anche da appassionati alle prime armi o semplicemente bravissimi nel fare alcune pietanze e più scarsi in altre, quindi credo che proprio riguardo a questi ultimi sia necessario segnalare alcuni trucchi del mestiere, superflui per i più esperti, ma che risolvono molti grattacapi per chi ancora non lo è. Uno dei primi problemi che ho incontrato quando ho iniziato a pasticciare con  le farine da impastare a mano, è quando si comincia ad aggiungere l'acqua: mani impastricciate e composto attaccaticcio, e magari avete aggiunto più acqua del necessario, e lì accanto la farina ben chiusa e sigillata. Non so per voi, per me è da isteria totale. Così ho imparato che non devo chiudere la farina, ma tenerla a portata di mano con la confezione aperta e stesa sul piano di lavoro, volendo con dentro un cucchiaio pronto per l'uso. Sembra una cazzata ma questo vi risparmierà tante arrabbiature e pezzetti di impasto appiccicoso sparso dappertutto.

Quando si sentirà l'impasto della giusta consistenza formate la palla, oliatela, copritela e mettetela da parte, per il tempo necessario a preparare le verdure. Io l'ho messa fuori, viste le basse temperature  di questo periodo.
In una padella ho versato due dita di brodo di verdure, ho fatto appassire u po' la cipolla e poi ho versato le carote tagliate a pezzetti e i broccoli, che essendo dell'ultima fioritura erano già in pezzi piccoli, oltre a qualche piccola fogliolina che tengo sempre. Ho cotto il tutto per una decina di minuti e ho regolato di sale e pepe e lasciato da parte a raffreddare.
Ho diviso l'impasto in due parti e poi l'ho steso su un piano infarinato, e ho usato direttamente la placca rotonda del forno per modellare e tagliare la parte che avrebbe fatto da base: che bello prenderla e vedere che la forma resta così e non si deforma, ho oliato leggermente la placca e ho inserito la base. Ho versato sopra le verdure e sopra a queste ho disposto delle sottillette tagliate a listarelle e ho coperto con la seconda parte dell'impasto chiudendo attentamente i bordi, anche se devo migliorare un po' la tecnica. Poi visto che avevo avanzato dei ritagli ho fatto anche un gioco di righe di impasto. Ho fatto dei tagli sulla  superficie per consentire al vapore di uscire durante la cottura ed ho infornato.
In microonde con piatto crips-pizza per 9-10 minuti, in forno normale a 180° per 25-30 minuti, o comunque quando l'impasto sarà dorato.
Buona, croccante e broccolosa.
Se lo mangiate come piatto unico le dosi sono ottimali per due persone, se assieme ad altre pietanze le dosi vanno bene per 4 persone.


4 commenti:

manuela e silvia ha detto...

Questa torta è veramente deliziosa! Un ripieno dolce e delciato dentro una pasta fatta in casa!
ottima idea per usare i broccoli!
baci baci

Asa_Ashel ha detto...

@manuela e silvia
Benvenute e grazie del commento. E' vero, le torte salate sono un modo più sfizioso per fare il pieno di verdure di stagione e ci si può sbizzarrire in tantissimi modi. E poi, è un'ottima alternativa per finire piccoli avanzi di vari ingredienti.

Genny G. ha detto...

mi spieghi perchè non passo più di frequente da questo posticino bello caldo e comodo?:D

Asa_Ashel ha detto...

@Genny
Già, me lo chiedo spesso pure io perchè non passi... Mi pare ovvio, con tutto quello che hai da fare, pure la cuoco-prof, e sicuramente blog più altolocati di questo da controllare, ma mi fa piacere sapere che questo blog ti sembra un posticino caldo e comodo. Un angolo raccolto, era questo l'idea di partenza e tu l'hai colta.

Posta un commento

i commenti a questo blog saranno pubblicati dopo essere passati al vaglio del moderatore.